Utilizzo delle pietre

Come fare il riequilibrio energetico con i cristalli

Il riequilibrio energetico con i cristalli è una terapia che lavora sui centri energetici del corpo umano (i chakra) e il campo aurico. Oggi non voglio entrare troppo nello specifico, la mia intenzione non è quella di offrirvi una lezione completa e esaustiva sul riequilibrio energetico, ma piuttosto alcune basi che vi permetteranno di fare un auto-trattamento in maniera molto semplice, senza aver bisogno di avere alle spalle lunghe nozioni teoriche. Prima però…

riequilibrio energetico con i cristalli

Cos’è il riequilibrio energetico?

E’ quella pratica, o serie di pratiche, che vi permette di tornare a uno stato di equilibrio. Tutti noi, fino a un certo momento della vita, lo siamo stati. Ciò non significa possedere ingenti somme di denaro e una villa sul mare. Non significa vivere in uno stato di santità senza problemi o preuccupzioni. Ma semplicemente essere in sintonia con noi stessi, con il nostro modo di vivere.

Per essere davvero equilibrati e sereni è indispensabile che ciò che si fa sia realmente quello che si vuole e non quello che vogliono gli altri. (Lorenzo Licalzi)

Molto spesso la disarmonia sopraggiunte quando smettiamo di seguire i nostri sogni, per cercare di soddisfare quegli altrui. Quando iniziamo a correre dietro ai soli risultati materiali, cadendo di fatto in una continua insoddisfazione.

L’equilibrio a mio avviso si spezza quando perdiamo il contatto con le cose veramente importanti della vita, reputando che siano le cose futili, transitorie e sulle quali in realtà abbiamo ben poco controllo (anche se ci piace credere il contrario), le cose che contano sul serio.

Credo comunque che si tratti pur sempre di pensieri assolutamente soggettivi, quindi vi invito ad esprimere un’ opinione su cosa sia per voi la perdita dell’equilibrio. E’ il primo passo questo, veramente. La prima cosa che dovete fare per iniziare un auto-trattamento di questo tipo, è prendere consapevolezza di dove la corda si è rotta e dirlo “ai quattro venti”, scrivetelo.

Avete mai provato a scrivere o dire ad alta voce un vostro dubbio? O meglio, avete mai provato a non farlo perché eravate consapevoli che nel momento stesso in cui lo avreste portato fuori dal vostro mondo interiore, avrebbe perso potere, sarebbe risultato più insignificante e meno forte di quanto credevate?

Abbiamo una fifa trementa a veder sminuire i sogni tanto quanto le paure. Ecco allora che li teniamo per noi. Non diamo voce a tali pensieri. E’ sbagliato. Tremendamente. Perché fino a quando non vengono fuori, non potranno evolversi o scomparire. Quindi, cercate di scoprire dove avete perso il contatto con voi stessi e siete entrati in una sorta di non equilibrio. Comprendete le ragioni di tale rottura e dopo, iniziate il vostro riequilibrio energetico con i cristalli.

 Riequilibrio energetico con i cristalli

Per questo trattamento avete bisogno di alcune pietre burattate o se preferite grezze, ma dovete accertarvi che possano rimanere ben posizionati sul vostro corpo disteso senza cadere o pungervi. In cristalloterapia per un trattamento di base avete bisogno di pietre specifiche, collegate alle frequenze cromatiche dei chakra. Io vi propongo alcune pietre ma in realtà potreste sostituirle con altre dello stesso colore.

  • Quarzo fumè: da posizionare in prossimità del primo chakra, tra i genitali e l’ano. Lo dovrete quindi posizionare molto vicino alla zona, ma il cristallo poggerà sul letto o materassino.
  • Corniola: da posizionare sul secondo chakra, subito sopra i genitali.
  • Calcite gialla: sul terzo chakra, due dita sopra l’ombelico.
  • Quarzo rosa: sul quarto chakra, all’altezza del cuore
  • Sodalite:  sul quinto chakra, all’altezza della gola
  • Ametista: sul sesto chakra, tra le sopracciglia
  • Cristallo di rocca: sul settimo chakra, sopra la sommità del capo, distanziato di circa 20 centimetri.

Come procedere…

Il riequilibrio energetico con i cristalli di cui vi parlo oggi è un auto-trattamento, pertanto potete fare tutto da soli. E’ piuttosto semplice e vi consiglio di metterlo in pratica per due o tre volte a settimana per almeno un mese consecutivo. Se ci riuscite, fatelo sempre nel solito momento della giornata. L’esperienza mi ha insegnato che, per trattamenti come questi, ci vogliono pietre appositamente scelte (da usare solo per questo scopo!).

  • Stendetevi su di un materassino come quelli da yoga. Se può aiutarvi, accendete qualche candela profumata o dell’incenso. Anche della musica molto rilassante può andar bene per favorire la concentrazione.
  • Posizionate i vari cristalli all’altezza dei chakra, come ho descritto prima.
  • Chiudete gli occhi e concentratevi sul vostro respiro fino a quando non vi sentite rilassati.
  • Visualizzate un’onda del mare bassa che si muove lentamente e inizia a muoversi sulla pianta dei vostri piedi. Sentite la sensazione che vi provoca. Quest’onda ogni volta che si ritrae per tornare poi a sfiorare la vostra pelle, riuscirà a salire sempre di più.
  • Ogni cristallo che arriva a sfiorare, viene attivato ed emana la propria luce agendo positivamente sul chakra, armonizzandolo.
  • Tappa dopo tappa, fino ad arrivare al settimo chakra e tutti i cristalli attivi stanno lavorando contemporaneamente per armonizzare il vostro campo energetico.
  • Quando l’onda arriva al settimo chakra, “trattenetela” per alcuni minuti. Dopo lasciatela riassorbire completamente. A questo punto il trattamento è finito ma vi consiglio di rilassarvi sul materassino ancora per qualche secondo.

Questo riequilibrio energetico con i cristalli può durare dai 30 ai 45 minuti. Tutto dipende da voi e vi accorgerete come questo margine può spostarsi in base alla giornata e il vostro umore. Non sto a parlarvi di risultati perché sono molto soggettivi e possono variare anche di tanto da una persona all’altra.


4 Commenti

  • Ciao !!!
    Innanzitutto grazie per il tuo commento sul mio blog !!
    Poi, ho scelto questo articolo perchè mi interessa particolarmente, il problema però è sempre dove acquistare le pietre e come scegliere che siano davvero pietre e non pezzi di plastica (ho cercato un po’ ma è sempre un problema acquistare su internet).
    Se farai un articolo su questo sarò la prima a correre XD
    PS: Ti chiedo se ti andrebbe di collaborare per scambiare articoli ed opinioni ogni tanto ^^
    Buona serata e grazie ancora per questo articolo chiaro ed esaustivo ^^

    • Ciao Formedipensiero,
      E’ il problema un po’ di tutti questo delle pietre vere/finte. Io fino a oggi mi sono sempre affidata ad una persona che conosco di persona da molti anni, e qualche volta acquisto da uno o due siti internet che vendono pietre vere. Comunque certo, programmerò un articolo su questo argomento.

      Per la collaborazione più che volentieri 🙂 Ti contatto in privato il prima possibile, così ne parliamo li.

      Un abbraccio

      Claudia

  • Interessante anche io voglio acquistare delle pietre da tempo ma ho bisogno di un consiglio dove acquistarle e come riconoscerle magari può essere utile anche un libro?Grazie

    • Ciao Paola, il consiglio è quello di cercare un negoziante di cui ti fidi, possibilmente della tua città. Purtroppo non è facile capire se una pietra è vera, senza analizzarne la struttura chimica. Esistono alcuni metodi “caserecci” che non offrono una garanzia, ma possono pur sempre essere un inizio! Segui il blog in questi giorni, che pubblicherò un post a riguardo (mi fate in molti questa domanda :-D)

      Per il “dove”, sempre lo stesso consiglio. Devi acquistare da qualcuno di cui ti fidi. Io ho sempre fatto così. Fino a oggi comunque, quando ho acquistato online le pietre, mi sono trovata bene con Il Giardino Dei Libri.

Lascia un commento