Curiosità sui cristalli

Cosa sono i Geodi e come usarli in cristalloterapia

Avevo un bellissimo geode un tempo, cristallo di rocca. Poi si è frantumato e così, l’ho sotterrato per donarlo di nuovo alla natura. Non ho avuto ancora la possibilità di acquistarne uno nuovo ma, ne cercherò uno che mi piace il prima possibile! Il modo migliore per capire come si presenta a livello estetico un geode, è quello di guardare le foto!

geode 3

Fonte 1 foto: Wikimedia.org
Fonte 2 foto: Wikimedia.org

Come potete vedere, all’interno di una roccia ignea vi è una cavità, rivestita di cristalli! Entrambe queste foto sono strepitose. Un geode si forma quando una massa di lava si fredda in modo lento e non omogeneo. All’interno della roccia ecco che i minerali si dispongono secondo il reticolo cristallino. In queste pareti interne, posso svilupparsi raggruppamenti di cristalli, nati grazie alla composizione e alla temperatura che può variare dai 50° agli 850°.

Un geode può essere grande pochi centimetri e arrivare a formare delle grotte! Quest’ultimo è uno spettacolo che mi auguro vivamente di poter vedere un giorno! Al loro interno possono esserci varie tipologie di cristalli, tra i più comuni troviamo l’ametista e i quarzi in generale.

Come usarli in cristalloterapia

Analogamente alla piramide di cristallo, potete utilizzare il geode nella meditazione. Per la sua forma, che rimanda a quella della caverna (dai molteplici significati, giusto per citarne alcuni: la Madre, cavità uterina, morte e nuova rinascita), il geode rappresenta la nascita e la fertilità.

Utilizzando il geode di ametista o di cristallo di rocca aiuta a sviluppare una visione della vita molto più indipendente.

Ma soprattutto, il geode genera tantissima energia. Mettete a caricare una pietra all’interno di un geode per ottenere ottimi risultati! E’ una buona alternativa alla drusa.

La geode possiede molte proprietà terapeutiche per la sua forma, ma queste variano anche in base ai minerali che contengono. Utilizzare un geode comunque, aiuta ad affrontare una situazione senza una presa di posizione ferrea, ma stimola piuttosto ad analizzare le questioni da vari punti di vista.

In particolar modo il geode di agata, è un antistress formidabile! In realtà ho ancora un piccolo geode ed è una collana. Ma quasi non si vede che è un geode e non posso utilizzarlo per purificare, ma solo a scopo meditativo. Nonostante la piccola frattura fa ancora il suo dovere. E’ un regalo, quindi ci tengo molto. Di questa proprio non riesco a liberarmi (e liberarla)! Eccola:

geode d'agata


3 Commenti

  • Ciao Claudia, che belli i geodi non ne ho mai avuti vorrei comprarne uno di agata anche per ricaricare le pietre. Ho qualche pietra rotta posso sotterrarle tutte in giardino o secondo il tipo di pietra vanno buttate anzi nel mare? Buona domenica.!!

    • Ciao Simonetta, Sotterrale tranquillamente tutte in giardino! Alcune pietre magari preferiscono l’acqua ma in ogni caso farai una cosa giusta anche solo donandole nuovamente alla terra. Un abbraccio e buon inizio settimana!

Lascia un commento

privacy policy