Granato: proprietà, usi e controindicazioni

Dopo un piccolo periodo di pausa, eccomi di nuovo a parlarvi dei cristalli! L’articolo di oggi si concentra sul granato, una pietra molto famosa. In realtà si tratta di un gruppo di minerali, come vedrete tra poco grazie all’elenco. Pietre tanto eterogenee che è facile considerarle pietre diverse l’una dall’altra (e alcuni studiosi lo fanno). In futuro infatti ho già programmato di approfondirne qualcuna di queste.

Come sottolinea comunque Michael Gienger, nonostante queste loro differenze, non possono essere considerate pietre diverse. Hanno in comune: il sistema cristallino cubico, l’origine, la classe minerale (nesosilicati) e non solo. Molte le affinità, specialmente in campo terapeutico.

In cristalloterapia infatti il granato viene utilizzato molto contro gli stati depressivi. Secondo una leggenda medioevale il granato, ai tempi conosciuto con il nome di carbonchio, possedeva il potere di portare nell’oscurità la luce. Una metafora che indicava appunto il suo saper portare sulla retta via le anime finite nell’oscurità.

Proprietà del granato

Il granato ancora oggi è considerato un potente simbolo di trasformazione. Se allo stato grezzo è “insignificante” sotto il profilo estetico, una volta lavorato diventa una pietra meravigliosa. Ecco perché è consigliata a chi si trova a dover affrontare un difficilmente momento che implica una trasformazione, un cambiamento.

Corpo

Ha una grande energia rigeneratrice. A livello fisico infatti armonizza i fluidi, specialmente il sangue. Stimola il metabolismo e rafforza il nostro sistema immunitario rendendoci più forti nell’affrontare le malattie e prevenirle. E’ consigliato anche a coloro che hanno difficoltà ad assimilare le sostanze nutritive a livello intestinale. Il granato se applicato localmente la dove c’è una ferita sanguinante, aiuta a farla riemarginare.

Mente

La pietra granato dona una maggior fiducia in se stessi, aumenta infatti l’autostima. E’ un faro nel buio, dona gioia di vivere e molta forza di volontà ottimista per superare tutte le sfide che deve affrontare. Rende fortemente perseverante, libera la persona dagli schemi fissi e dalle inbizioni. Proprio per questo è considerata e usata delle volte come afrodisiaco, Il granato è utile agli uomini e le donne che hanno paura a liberare la propria sessualità, spesso provocate da alcune esperienze passate negative. Infine, sempre a livello mentale, è consigliato quando si desidera partorire nuove idee e dar vita a progetti, perché offre la forza necessaria per emergere senza paura e lasciare alle spalle idee obsolete limitanti.

Spirito

Come dicevo all’inizio, il granato è una pietra che illumina, che aiuta ad uscire dal periodo buio e dalla depressione. Da usare se si è in una situazione che sembra essere senza via di uscita. Se viviamo un così forte momento di crisi che ogni nostra speranza e valore è crollato.

Rafforza il desiderio di emergere, sprigiona luce dentro la persona che la indossa. Porta a un grande stato di armonia non solo con se stessi ma anche con tutti coloro che sono vicini.

Varietà di granato

  • Almandino: Un granato il cui colore va dal rosso bruno al nero. Proviene dall’Asia Minore. L’almandino è una pietra stimolante, migliora non solo la vena creativa ma aiuta anche a diventare più produttivi. Ideale perciò se volete mettere in piedi un bel progetto! A livello fisico aiuta l’intestino ad assimilare meglio il ferro.
  • Andradide: L’andradide può essere rosso scuro e nero. E’ conosciuto anche con il nome di granato ferrino. Il suo colore tipico rimane il nero ed è una pietra molto dura, anche se allo stesso tempo fragile. Possiede ulteriori varietà che si distinguono in base al colore. Se è di colore giallo è la topazolite, se è nera viene chiamata melanite, se è verde demantoide. A livello cristalloterapeuto dona flessibilità e incoraggiamento. Anch’essa è una varietà di granato adatta ai creativi.
  • Grossularia: E’ una pietra grigio, verde pallido. Può avere anche tonalità sull’aranncione. A livello fisico aiuta a rafforzare i reni, la pelle e le ossa. A livello mentale distende i nervi.
  • Hessonite: L’hessonite può essere rosso, giallo, bruno, arancio. Questa varietà di granato è molto interessante sotto il profilo spirituale. Aiuta a intraprendere un percorso di crescita interiore. Aumenta il rispetto verso se stessi e insegna a non farsi schiacciare dagli altri. Fisicamente, migliora il metabolismo.
  • Melanite: è una varietà di granato completamente nera. La melanite porta sulla via della rettitudine. Rafforza a livello mentale, ma anche quello fisico. E’ infatti un toccasana per il sistema scheletrico!
  • Piropo: Il piropo è rosso scuro. Questa bella variante di granato in cristalloterapia è utilizzato per chi vuole attingere a un maggior carisma e migliorare la qualità della propria vita. A livello fisico migliora la circolazione del sangue.
  • Rodolite: E’ rosso scuro / violaceo.Una bellissima pietra molto utilizzata infatti in gioielleria. In cristalloterapia è usata per donare voglia di vivere, ma anche per migliorare il rapporto con la propria sessualità.
  • Spessartite: Può essere rosso scuro e giallo. Una pietra che aiuta ad essere più generosi. Allontana gli incubi dei bambini ed ha un’interessante azione antidepressiva. Utile anche lei, come la rodolite, contro i problemi sessuali.
  • Uvarovite: E’ una bella pietra verde smeraldo. Dona entusiasmo e rafforza l’individualità. Ha un’azione antinfiammatoria sui tessuti del corpo.

Come si usa il granato?

Il granato è una pietra che può tranquillamente essere indossata montata su collane, anelli o bracciali. Dovrebbe però stare a contatto con la pelle e quindi, da evitare quelle montature che lo impediscono. Potete anche tenerla vicino a voi e rigirarla tra le mani ogni tanto. Per i trattamenti di cristalloterapia può essere tranquillamente applicata sulla parte del corpo interessata.

I più venduti su Amazon:

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto ancora)
Loading...

Lascia un commento