Prehnite: benefici e usi in cristalloterapia

La prehnite è una pietra molto apprezzata tra i collezionisti di minerali. Uno degli utilizzi più noti in cristalloterapia è quello di far emergere i ricordi che la nostra mente ha cancellato. La prehnite, pietra che si forma nelle rocce ignee e metamorfiche grazie al processo idrotermale, può essere sia incolore che verdastro. E’ stata scoperta nel XVIII secolo a Capo do Buona Speranza dal colonnello Prhen.

Gli usi della prehnite a scopo terapeutico sono recenti, dal passato non ci arrivano informazioni. Come quasi ogni minerale può essere utilizzato sia a livello spirituale, psichico e fisico. La prehnite ha una  Non ci spinge a ignorare i problemi ma ad affrontarli. Non chiudete più gli occhi davanti a loro ma li affrontate a viso aperto, anche se fa male e non è piacevole. Ciò che v’insegna è che la verità, anche se scomoda, è sicuramente meglio della menzogna. Ciò vi porta a temprarvi, a rafforzare la vostra personalità e lo spirito guerriero.

La prehnite non vi mette davanti solo ai problemi ma anche a quei ricordi che avete rimosso, magari proprio a causa di un trauma. In questo modo potete superarli e non lasciarvi più condizionare la vita da loro. Imparate a elaborare in modo veloce le idee.

A livello fisico la prehnite può essere usata da chi ha bisogno di velocizzare il metabolismo dei grassi corporei. E’ piuttosto famosa tra i cristalloterapeuti anche per il suo “potere” di aiutare il corpo a espellere le tossine che ha accumulato. Porta un passo alla volta l’organismo alla rigenerazione.

Se avete bisogno di usarlo per gli effetti che ha sul corpo, dovreste posizionare la prehnite su fegato e intestino. Se invece desiderate ottenere effetti su psiche e spirito, indossatelo come ciondolo oppure tenetelo in tasca.

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto ancora)
Loading...

Lascia un commento