Proprietà delle pietre

Quarzo latteo, proprietà e usi

Oggi con grande piacere vi parlo del quarzo latteo su richiesta di una lettrice di Alchimia Delle Pietre. Vi consiglio di visitare la sua pagina facebook che è molto interessante! Questo minerale è conosciuto anche come quarzo neve o quarzo latte.

quarzo latteo

Quarzo latteo grezzo – Fonte immagine: wikipedia

Il colore bianco viene dato dalla presenza di bolle liquide, infiltrate alla nascita del primo cristallo. Più inclusioni vi sono al suo interno, maggiore è l’effetto latte di questa bella pietra. Questo colore ricorda a tratti le nuvole. Non viene utilzizato in gioielleria proprio a causa di queste infiltrazioni, sono molto più richiesti il cristallo di rocca e l’ametista rispetto a questa varietà di quarzo, estratto principalmente in Brasile, Messico e Stati Uniti. E’ però utilizzato per la creazione di gioielli artigianali!

A mio avviso invece è davvero meraviglioso perché spesso da l’impressione che vi sia un cristallo formato dentro un altro cristallo. Come dire, prima se ne forma uno, lattiginoso appunto, dopo si crea uno strato di ialino sopra. Proprio per questo suo aspetto particolare viene conosciuto anche con il nome di quarzo fantasma.

A chi è rivolto il quarzo latteo?

Tra le mani di nuovo un quarzo dal sistema cristallino trigonale, per adesso la categoria di pietre più recensita qui sul blog! Vi consiglio di indossare un ciondolo di quarzo latteo, possibilmente all’altezza del cuore, perché aiuta coloro che ragionano troppo con la testa e poco con il cuore, a equilibrare questi due punti di vista. E’ una pietra capace di riequilibrare e portare ordine interiormente, allentando molte tensioni che impediscono di vedere concretamente davanti a se.

E’ una pietra molto femminile, ma paradossalmente consiglio di indossarla soprattutto agli uomini che non riescono ad accettare la componente femminile del proprio essere. Molti infatti tendono a farsi guidare poco dai sentimenti, impedendo così al proprio lato sensibile di emergere. Il quarzo latteo porta equilibrio anche in questo senso.

Proprietà del quarzo latteo

Il quarzo neve ha tante buone proprietà dal punto di vista della cristalloterapia. Le sue vibrazioni sono spettacolari! E’ una pietra che induce al rilassamento, quindi vi consiglio molto di utilizzarla anche in meditazione (a breve approfondisco l’argomento meditazione e pietre, sto leggendo anche un bellissimo libro sull’argomento!).

Corpo

A livello fisico il quarzo neve sembra che rafforzi le ossa, i denti, le vertebre e in generale l’assorbimento del calcio. E’ la pietra perfetta da indossare nel periodo dell’allattamento. Nei trattamenti di cristalloterapia viene utilizzato anche per bloccare le infiammazioni.

Come ripeto praticamente sempre, ricordatevi che le pietre non possono sostituire i farmaci o le terapie mediche! Sono però un valido supporto!

Mente

Vi aiuta a mantenere la mente tranquilla e concentrata sulle priorità. Se siete persone indecise, dona chiarezza e fiducia. Offre uno stimolo per percorrere la strada dell‘auto-realizzazione. Il quarzo latteo migliora il vostro modo di comunicare e soprattutto vi consente di farlo anche in modo oggettivo quando l’occasione lo richiede.
Quando sentite di aver bisogno di una bella dose di energia, indossatelo! Vi farà vedere le cose con maggior chiarezza.

Spirito

Indossate il quarzo latteo e riuscirete a vedere nuovamente il mondo con gli occhi di un bambino. In qualità di “adulti” abbiamo un po’ perso questa bella capacità che ci permette di vivere un po’ più a cuor leggero. Nel momento in cui scrivo questo articolo siamo a gennaio e, coincidenza, questa pietra rappresenta la luna piena di questo mese (24 gennaio 2016). Sono stati i nativi americani a tramandare questa stupenda simbologia.

Indossando un quarzo neve quindi, riuscirete a equilibrare il vostro lato femminile con quello maschile, a migliorare i rapporti con la madre. E’ una pietra che dona serenità. Agisce come pietra protettiva e stimola il vostro potenziale nascosto.

Come utilizzare il quarzo latteo

Indossatelo come ciondolo per ottenere tutti i benefici descritti, sia a livello mentale che spirituale. Soprattutto in quest’ultimo caso dovrebbe essere all’altezza del cuore. Se invece volete utilizzarlo a livello fisico, dovete posizionarlo nella zona interessata del corpo. Se lo avete scelto per migliorare il rapporto con la madre, tenetelo all’altezza del secondo chakra. E’ ottimo anche in meditazione o tenuto vicino alla scrivania dove lavorate per ottenere chiarezza mentale e perseveranza di obbiettivi. Potete purificarlo sotto l’acqua corrente e caricarlo sotto gli influssi della luna piena di gennaio, oppure sopra una bella drusa di ametista!

Lascia un commento

privacy policy