Reiki a quattro mani, di cosa si tratta?

Il Reiki a quattro mani non è particolarmente famoso, ma in alcune occasioni è possibile ricorrervi. In pratica, invece di avere un solo terapista a farci il trattamento, ne abbiamo due. E’ piuttosto comune questa cosa ad esempio negli scambi Reiki durante i vari percorsi formativi.

Ricordo che un trattamento reiki a quattro mani lo feci con due amici in occasione di una gita in montagna, a un ragazzo che era con noi. In quel caso più che a quattro mani, si sperimentò addirittura quello a sei mani. Era un po’ un test, sia per noi sia chi riceveva il trattamento che era curioso (difficile trovare tre reikisti in un colpo solo!). Partendo dal presupposto che non credo nelle coincidenze, quell’esperienza per noi tre fu incredibile! Era tutto potenziato. Anche il ragazzo che si espose al Reiki ne rimase davvero soddisfatto.

Perché chiedere un trattamento Reiki?

Passiamo a voi che desiderate ottenere un trattamento Reiki a quattro mani. Quali vantaggi potreste ricavarne? Sicuramente quello di un trattamento molto potente. L’energia che ricevete nello stesso momento è potenziata. E’ un trattamento che rilassa molto e lo dico per esperienza, perché durante gli scambi Reiki ho avuto modo anch’io di sottopormi. La piccola controindicazione è che lascia storditi a lungo, soprattutto se non ci siete abituati.

Molte persone vi ricorrono perché è un risparmio di tempo. Secondo me è il modo sbagliato di avvicinarsi a questo tipo di trattamento. E’ vero che dura meno per il fatto che vengono trattati sempre due punti in contemporanea, ma è il bello di questa cosa non è il “metterci meno tempo” ma semplicemente il momento, l’esperienza, le sensazioni e il benessere che ti lascia dopo.

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto ancora)
Loading...

Lascia un commento