Proprietà delle pietre

Serpentino: proprietà e usi in cristalloterapia

Il serpentino è un minerale dalle varie tonalità del verde. Ha un aspetto piuttosto squamoso quando è nella sua forma grezza ed è proprio per questo motivo che gli è stato attribuito il nome serpentino. Viene utilizzata a scopi curativi da diversi secoli, già nell’epoca preromana ritenevano che possedesse il potere di tenere lontane le malattie e i sortilegi. Erano piuttosto comuni gli amuleti in serpentino. Chiaramente prima c’era molta superstizione ma comunque, se desiderate fare un bel regalo a qualcuno che si sente particolarmente attaccato dalla “cattiva sorte”, allora optate per questa pietra!

serpentino

A livello mineralogico il serpentino è molto interessante. Prima di tutto si forma in un ambiente terziario, cioè per metamorfosi delle rocce magmatiche basiche. Forse vi è stata venduta anche sotto il nome di “Nuova Giada”.  Si può trovare in commercio in tre differenti forme. Una forma lamellare, una fibrosa e una striata.

A chi è indicato il serpentino?

Trattandosi di un sistema cristallino monoclino, il serpentino è indicato per tutti voi che vi lasciate troppo spesso trasportare dalle emozioni, che preferite vivere il momento con tanta intensità che quando si tratta di dover fare qualche progetto a lunga scadenza, andate totalmente nel panico. Inoltre volete sempre mantenere la parola data ma, per carattere, cercate di spenderne il meno possibile. Meno v’impegnate meno rischi avete di deludere il prossimo e di riuscire a portare a termine ogni cosa.

Da un punto di vista cromoterapico, la pietra serpentino è collegata al quarto chakra, quello delle emozioni. Da un punto di vista strutturale, al terzo occhio.

Proprietà del serpentino

Il serpentino viene usato in cristalloterapia per guarire e liberare l’aura da tutti i blocchi di energia che impediscono la totale e piena guarigione. Lavora in modo eccellente sia sul piano mentale, fisico ed emotivo. E’ la pietra per eccellenza che secondo me rispecchia la visione orientale della guarigione. Per far si che l’individuo si senta davvero bene, è necessario lavorare su tutti e tre i piani. Durante una seduta di cristalloterapia posizionatelo all’altezza del chakra del cuore per lavorare sui sentimenti.

Viene usata anche per risvegliare l’energia della Kundalini, il serpente che si trova attorcigliato alla base della nostra colonna vertebrale, nel primo chakra.

Corpo

Il serpentino da un punto di vista fisiologico  è utile per tutti i problemi legati al cuore, in particolare l’alterazione del ritmo. Alcuni cristalloterapeuti lo usano anche per quelle persone che hanno problemi di stomaco, specialmente in caso di stipsi o dissenteria. E’ utile per quelle persone che non riescono a dimagrire a causa di un metabolismo lento. Basta tenerla a contatto con la pelle per ottenere benefici in questo senso, velocizzando quindi le funzioni metaboliche. Le donne possono tenere questa pietra vicina alle ovaie (quindi l’idea è che ne usiate due) per alleviare i dolori del ciclo mestruale.

Mente

Mi piace molto il serpentino perché è un ottimo alleato in caso di nervosismo. Molto spesso infatti ci lasciamo prendere dallo stress e dall’ansia a causa delle persone che ci circondano. Quando ad esempio veniamo criticati per le scelte fatte, oppure per quelle che non siamo capaci di prendere. La paura di deludere… spesso insomma è la nostra ansia nel tradire le aspettative altrui che ci spinge a vivere in un perenne stato di stress.

Il serpentino ci protegge da queste influenze, ci insegna a prendere le distanze dai desideri degli altri per privilegiare i nostri. Utilizzatela e vi accorgerete anche che spesso è possibile trovare qualche soluzione che vada bene a tutti, vi rende disponibili al compromesso.

Sembra che il serpentino aiuti anche nella sfera sessuale sbloccando quelle donne che non riescono mai a raggiungere l’orgasmo durante il rapporto con il partner.

Spirito

Il serpentino è una pietra molto valida dal punto di vista spirituale. Se siete persone molto caotiche, vi aiuta a trovare l’equilibrio dentro di voi, a trovare quell’angolino di tranquillità in mezzo a una giornata di 24 ore per riflettere, indagare su chi siete davvero. Io vi consiglio vivamente di usarla durante la pratica meditativa!


Lascia un commento