Vivianite, proprietà e usi in cristalloterapia

Cos’è la vivianite? Quali sono le proprietà e gli usi in cristalloterapia? Questa pietra varia dal verde al blu ma, quando riscaldata, i toni sono rossastri. E’ caratterizzata da delle lamine davvero flessibili, che la rendono estremamente fragile. Qui in Italia è difficile recuperarla, non sono ancora riuscita ad acquistarla. I migliori esemplari arrivano dall’Africa Equatoriale.

Essendo una pietra che varia dal verde al blu, può essere utilizzata secondo i principi della cromoterapia, ora sul quarto (quando è blu) ora sul quinto chakra (quando è verde). Il fatto che non sia una pietra particolarmente comune ci porta anche ad avere poche informazioni nel campo della cristalloterapia.

Proprietà della vivianite

In linea generale viene utilizzata quando c’è bisogno di liberare le emozioni a lungo represse. Cosa che induce anche a raggiungere l’equilibrio. Se riuscite ad acquistare la vivianite verde, potete lavorarci sul cuore e perciò su tutta la sfera emozionale. Se invece acquistate una vivianite sui toni dell’azzurro, lavorateci sul chakra della gola.

La vivianite però è una pietra che può veder combaciare entrambi i colori. Ed ecco quindi che ha il duplice effetto di far prendere consapevolezza delle emozioni e allo stesso tempo di esteriorizzarle. E’ una pietra che infonde molta serenità d’animo e positività, dona fiducia nelle altre persone ma anche nella vita. Vi aiuta a portare il vostro punto di vista nella giusta prospettiva, ad apprezzare ciò che di bello la vita vi ha offerto.

Vi permette di combattere la noia, sia a livello personale che lavorativo. A livello fisico invece, lavora molto sul fegato e ne stabilizza le attività.

Come si usa la vivianite in cristalloterapia?

La vivianite è una pietra che potete portare a contatto con la pelle, anche se montarla su un anello o un ciondolo è molto difficile. Potete però metterla in una di quelle gabbiette per pietre e appenderla poi a una catenella in argento. Altrimenti per far prima, tenetela in tasca. Potete anche usarla per lavorarci di notte, in questo caso mettetela dentro la federa del cuscino. Questa pietra si sfalda facilmente, perciò fate molta attenzione a coma la utilizzate altrimenti rischiate di rovinarla.

In cristalloterapia è una buona pietra quando c’è bisogno di lavorare sul campo aurico. La pulisce per bene ed apre la strada al trattamento di cristalloterapia vero e proprio.

La vivianite invece potete pulirla sotto l’acqua corrente, ma dovete asciugarla subito. Potete caricarla lasciandola per alcune ore sopra una drusa di cristallo di rocca o di ametista. Potete lasciarla esposta alla luce della luna.

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto ancora)
Loading...

Lascia un commento