Proprietà delle pietre

Occhio di gatto: proprietà, benefici e 3 utilizzi

L’occhio di gatto non è famosa in cristalloterapia come l’occhio di tigre e di falco. Le informazioni a riguardo di questa pietra infatti, sono piuttosto scarse. Ne parlo perché una lettrice pochi giorni fa mi ha chiesto informazioni su di lei e così, ho preso l’occasione per scriverci sopra un’articolo!

Il nome della pietra occhio di gatto nasce dalla sua somiglianza con l’occhio del felino. E’ di color grigio e al suo interno c’è una striatura più scura, la quale appunto ricorda la particolare pupilla di un gatto. I riflessi argentei invece sono dovuti dalla presenza di orneblenda. E’ un quarzo e appartiene al sistema cristallino trigonale.

E’ una pietra magnifica, perfetta per il radicamento a terra. Resta comunque anche una pietra dalla forte spiritualità, purifica e protegge l’aura. Vi consiglio di utilizzarla in combinazione con altri cristalli perché ne amplifica l’energia. Lo stesso effetto amplificatore lo ha anche su di noi. Aumenta l’intuizione e la consapevolezza. E’ un valido supporto anche quando si tratta di promuovere la creatività e tutte le capacità psichiche.

Proprietà dell’occhio di gatto

Benefici per lo spirito

A livello spirituale ed esoterico è stata a lungo considerata la pietra portafortuna degli esoterici e dei mistici. Si crede infatti che porti sulla strada della saggezza. E’ una pietra che si affianca al lavoro dei guaritori. Infine, protegge dagli spiriti maligni, favorisce la chiaroveggenza. 

Benefici per il corpo

A livello fisico invece, difende dai disturbi agli occhi. Proprio come i gatti possono vedere e muoversi senza problemi al buio, l’occhio di gatto dona a chi lo possiede una miglior visione notturna, o almeno così vuole la leggenda. Allevia anche il mal di testa e riduce irritabilità e stanchezza. Viene usata anche nel caso di crisi respiratorie oppure di malattie che riguardano bronchi e polmoni.

Benefici per la mente

livello mentale invece, è una pietra che lavora sulla vostra interiorità. O meglio, grazie a lei riuscite a vedere con più chiarezza quali sono i vostri sentimenti e problemi irrisolti, così da chiarirli. Inoltre rafforza da questo punto di vista anche per il futuro. Vi rende più forti davanti agli ostacoli e perciò vi permette di vivere senza traumi anche quelle situazioni diverse dal solito. E’ una pietra che previene lo stress.

Come si usa l’occhio di gatto

1. Pulitelo con l’acqua

Come prima cosa, non è una pietra che risente del contatto con l’acqua, perciò potete usare questo metodo di pulizia. Vi consiglio comunque di lasciarla riposare per un paio di giorni al mese su una bella drusa di ametista o di cristallo di rocca. E, buona notizia, accetta anche la luce diretta del sole. In alternativa va bene anche quella della luna.

2. Usatelo in meditazione o in radicamento

Portatela con voi, potete montarla su una collana o un ciondolo, altrimenti se volete lavorarci sotto il punto di vista del radicamento, indossatela come bracciale. Mettetela nella federa del cuscino se volete ritrovare il sonno perduto. Durante la meditazione tenetela tra le mani.

3. Elisir alternativi

Non usatela invece se dovete preparare gli elisir con le pietre. Potete però irradiare l’acqua con le vibrazioni di questa pietra anche senza che entrino in contatto. Prendete una bottiglia di vetro trasparente e metteteci dentro acqua potabile. Circondatela di occhi di gatto, intorno alla bottiglia, non dentro. Lasciatela in una stanza buia per alcuni giorni e dopo utilizzatela.

I più venduti su Amazon:

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 voti, media: 5,00 di 5 )
Loading...

Lascia un commento