Proprietà delle pietre

Onice nero: proprietà e significato

La prima pietra che ho acquistato è stata proprio un onice nero. Un piccolo esemplare pagato pochi euri, ma che significa davvero tanto per me. Grazie a questa pietra mi sono prima avvicinata al mondo dei minerali e dopo innamorata della cristalloterapia.

Questa pietra vulcanica nera racchiude misteri, leggende e proprietà davvero spettacolari. A dispetto dei luoghi comuni, l’onice nero non porta sfortuna e non attira energia negativa verso la persona che la indossa. Diciamo piuttosto che spesso viene utilizzata in modo errato.

Questo minerale appartenete alla famiglia dei calcedoni è legato al primo chakra, quindi dovrebbe essere utilizzato ad esempio come cavigliera, bracciale o anello. Se viene incastonato in un ciondolo e portato al collo, va a interferire con energie più sottili, quelle dei chakra alti, che lavorano su frequenze cromatiche differenti. In realtà non si tratta di una pietra completamente nera perché, quando naturale e non colorata artificialmente, presenza delle striature bianche.

Secondo una leggenda, l’universo ha avuto origine proprio dall’onice nero. Esplodendo, questo cristallo, diede origine a tutto ciò che esiste nel mondo. Non è un caso se nel passato veniva definita la casa delle divinità, il luogo dove rimanevano addormentate.

A chi è rivolto l’onice nero?

L’onice nero ha un sistema cristallino trigonale. E’ rivolto quindi alla persona pratica, che cerca di vivere la propria vita sotto le leggi della semplicità. Invece di circondarsi di problemi, vuole arrivare alla meta in maniera limpida, grazie all’impegno quotidiano.

Non a caso l’onice nero si occupa proprio di questo. Indossandola ci si scherma dalle energie negative e dalle influenze esterne superflue.

Onice nero: proprietà sul corpo, la mente e lo spirito

Questa pietra di colore nero, appartiene al gruppo dei quarzi. Viene largamente utilizzata in cristalloterapia per le sue numerose capacità di interagire con il corpo, la mente e lo spirito in maniera armoniosa e poco invasiva.

Benefici a livello fisico

Come la saggezza popolare ci tramanda, l’onice nera sembra possedere alcune proprietà nei confronti del corpo. E’ considerata la pietra dell’udito e di conseguenza va a rafforzare quelle terapie atte a guarire le malatte dell’orecchio. Rafforza anche il sistema immunitario, contrastando le infezioni.

Benefici a livello psichico e mentale

Indossando l’onice nero ci diciamo disposti ad entrare in sintonia con le altre persone, comprendendone meglio anche i desideri e le aspirazioni. Questo confronto con gli altri però, ci induce anche a capire meglio noi, il nostro mondo interiore.

E’ perfetta quindi in quelle circostanze dove c’è bisogno di far chiarezza, sia per quanto riguarda il raggiungimento di obbiettivi, il voler mettere ordine nei sentimenti e nei pensieri e il desiderio di trovare la propria strada. Tutto questo però viene visto sotto la lente nei nostri reali bisogni e non quelli comportamenti che abbiamo adottato per soddisfare il volere di qualcun’altro.

Benefici a livello spirituale

Anche a livello spirituale l’onice nero ha diverse proprietà molto interessanti. per prima cosa, ci protegge dalle influenze negative, schermandoci. Questo in realtà è un compito che spetta un po’ a tutte le pietre nere, come ad esempio la tormalina, che protegge dalle radiazioni emanate dagli apparecchi tecnologici.

L’onice nero poi, ci permette di focalizzare l’attenzione sulle cose davvero utili, a valutare meglio quali sono i giudizi costruttivi e quelli che invece ci vengono dati per demolirci.

Grazie a questo minerale si può lavorare in maniera molto più consapevole anche sul primo chakra, il quale è legato al nostro istinto di sopravvivenza, il bisogno di mettere le radici e di trovare il proprio posto nel mondo. Rafforza anche il collegamento con Madre Terra.

Come utilizzare l’onice nero

  • Perfetto per creare bracciali e anelli. Armonizza il primo chakra e il rapporto con la terra, rendendoci più affini ai suoi bisogni.
  • Tenere un esemplare di onice nero piuttosto grande vicino a porte e finestre aiuta a tener lontani i sentimenti negativi delle persone che entrano nella nostra casa, bandendoli dalle mura domestiche.
  • Utilizzarlo in meditazione per rafforzare la propria autostima e per avere visioni chiare sul prossimo passo da effettuare, in qualsiasi settore della vita.

Come NON si utilizza

Come ho già accennato, dovete evitare di tenere l’onice nero a contatto con i chakra alti, ciò vuol dire che non va bene come ciondolo da appendere al collo. Le frequenze cromatiche del nero vanno a “stonare” e non portano benefici. Potrebbe darvi un senso di inquietudine e di confusione mentale. Io personalmente feci l’errore di utilizzarla proprio in questo modo diversi anni fa e provavo un vero e proprio senso di oppressione. A distanza di pochi giorni sentivo il respiro pesante. Scoprì solo dopo che l’avevo utilizzata in modo errato. Spostando il ciondolo dal collo alla tasca dei pantaloni, tutto tornò alla normalità.

Evitate anche di dormire con l’onice nero, è bene evitare il contatto notturno. Ricordatevi inoltre di non indossarla per lunghi periodi consecutivi e di lasciarla riposare ogni tanto. In questo modo non andate ad appesantire il vostro sistema energetico e date il tempo all’onice di “caricare le batterie”.

Come pulire l’onice nero

Passate l’onice nero sotto acqua corrente per uno o due minuti. Non lasciatela immersa perché contiene delle tracce di ferro. Per caricarla invece, sono perfetti gli influssi lunari. Evitate di caricarla con il sole diretto perché come tutti i quarzi, non ama particolarmente l’esposizione prolungata al calore.

I più venduti su Amazon:

20 Commenti

  • Ciao Claudia, l’onice nero mi ha sempre affascinato… sono d’accordo con te va solo portato nel modo giusto. Ho sempre letto qua e là che le pietre nere portano sfortuna o al contrario sono protettive. Ho qualche pietra di onice e un anello e personalmente posso affermare che quando lo indosso mi da un senso di forza e sicurezza e non mi trasmette niente di negativo anzi. Non ci ho mai meditato, proverò! a presto un abbraccio☺

    • Ciao Simonetta, si c’è questa tendenza ad associare il nero alla sfortuna e di conseguenza, anche le pietre nere sono “incriminate” poverine..
      Prova a utilizzarla per il radicamento, è magnifica 🙂

  • “Bene”, ho appena acquistato una collana con incastonata una pietra onice sul ciondolo per abbinarla ad un paio di orecchini uguali comprati l’anno scorso, di cui sono innamorata… Scopro ora dopo una ricerca che un anello che ho ed indosso da diversi anni ha la pietra onice! Il bello è che ho comprato tutto senza saperlo (e non sono una spendacciona, anzi, questi sono gli unici veri gioielli che possiedo), l’ho scoperto successivamente e solo ora mi sto documentando su questa pietra… Non so a cosa credere, io sono già inquieta e confusa di mio :-/

      • Beh, non l’ho proprio “scelta”, gli acquisti li ho fatti senza sapere che pietra fosse. L’inquietudine fa parte della natura dell’uomo e in me è un po’ più marcata, è parte del mio essere…

        • Allora ti dico che, a mio avviso, le pietre prese “per caso” senza rifletterci su, sono le migliori! Non le hai scelte per un motivo razionale ma seguendo l’istinto, magari era proprio ciò di cui avevi bisogno 🙂

    • In Sardegna l’amuleto lo chiamano “su cocco” onice/ossidiana e argento nobile. Un potentissimo amuleto che non é mai stato abbandonato neanche nella cristianità. Questa cosa che non si usa l’onice come ciondolo mi sembra una vera cavolata.

      • Ciao Silvia, molto interessante questa tradizione 🙂 Purtroppo il mondo degli amuleti e quello della cristalloterapia spesso si scontrano e manifestano degli evidenti controsensi, come hai appena sottolineato tu.

        Un saluto, Claudia

  • ciao Claudia; da qualche settimana ho cominciato a mettermi un anello in argento con una piccola onice molto bella; lo indosso durante il sonno; non so cosa mi abbia spinto a questa decisione, ma il risultato e’ che da quando lo indosso riesco a dormire per tutta la notte, senza i consueti risvegli 3/4 volte a notte che avevo prima. Ne provo beneficio, ma nel tuo articolo dici di evitare le ore notturne. Perche’? Grazie

    • Ciao Marina! Sono felice che sei riuscita a recuperare il sonno perduto!
      Rispondendo alla tua domanda. Molte delle cose che leggi provengono da esperienza e studi, ciò che può essere stato vero per me, potrebbe non esserlo per te probabilmente hai seguito il tuo istinto e hai fatto bene! Un abbraccio

  • Ciao mi chiamo Maria e da prima di agosto ho prese delle pietre una cestista mi avevano detto che porta fortuna è in piu poteva aiutare a mio figlio a studiare poi quella nera per mandare via la negatività poi quella verde che diceva che il mio segno del cancro andava bene con il verde e ho da 4 anni una bianca trasparente pero da quando celo sembra che mi va tutto storto prima ero un Po fortuna trovavo pure i soldi ma adesso tutto storto come mai io le mie pietre le porto sempre con me in borsa no tutte lo stesso posto pero sempre in bossa mi puoi aiutare grazie

    • Ciao Maria, non ho capito bene qual è il problema. Le pietre comunque considera che non portano sfortuna ma, forse è un periodo un po’ no e magari hai bisogno di qualche altra pietra capace di aiutarti 🙂

  • Ciao mi chiamo Lory e sono molto appassionata delle pietre specialmente di onice …i giorni scorsi mi si è spezzata al angolo un pietra di onice cadendo a terra chi sa che cosa significa?posso ancora indossarla era un bellissimo ciondolo?

    • Il mio personale consiglio Loredana, è di non utilizzarlo e lasciarlo alla terra. Se è una pietra di valore e ci tieni molto anche sotto questo punto di vista, puoi informarti se ancora conservi l’altra parte, su come (e se puoi) sistemarla.

  • Ciao, stavo cercando un regalo per un’amica speciale alla quale spesso e volentieri le cose non vanno proprio benissimo. Sono incappata per caso a cercare qualcosa che potesse in qualche modo portarle fortuna e ho trovato diversi ciondoli proprio con quest’ onice e incuriosita sto cercando riscontri sulla particolarità di questa pietra. Leggendo ciò che hai scritto devo dire di sentirmi sempre più convinta su questa scelta, spero solo di farle un regalo gradito. Devo solo decidere se prenderle un bracciale con incastonata la pietra oppure un ciondolo da mettere dove vuole. Mi sapresti consigliare? Non vorrei ne facesse un uso errato. Grazie.

    • Scusa il ritardo, spero di essere in tempo 🙂 Io direi che un bracciale di onice è più che perfetto, ma può andar bene anche un ciondolo come dici tu, anche se personalmente lo ritengo più adatto ai chakra bassi, quindi collane, anelli, cavigliere etc.

  • Ciao..ho una domanda porto un bracciale di onice da mesi mi si è rotto un primo momento xke’ era infilato da elastico quindi ho pensato fosse usurato… Lo ricostruito con un filo doppio un po più sostenuto ha durato due mesi ma proprio oggi il filo si e spezzato ancora.. Non so se devo dare un significato a questa cosa… Lo portato giorno e notte mai avuto fastidi….posso avere un parere? Grazie

    • Ciao Gina, personalmente non amo tenere a contatto con la pelle l’onice nera la notte. Quindi ti consiglio magari di ricostruire il bracciale e tenerlo solo di giorno, in modo che non si sovraccarichi! Fammi sapere come va. ciao!

  • Buongiorno, la notte scorsa ho sognato d’ essere vestita tutta in bianco e di ricevere in dono una bellissima collana in oro e onice. Al risveglio avevo una piacevole sensazione e visto il significato della pietra, ne ho avuto la conferma. Grazie!

Lascia un commento