Spiritualità ed energia

Numerologia: cos’è e cosa ci rivelano i numeri

Hai mai sentito parlare di numerologia? Ho deciso di trattare questo argomento perché mi affascina da sempre la simbologia dei numeri una disciplina molto più antica di quanto si crede. Pensate che fu Pitagora, nel VI secolo a.C, a parlarne. Secondo la sua visione tutta quanta l’esistenza si basava sulla matematica.

I numeri però sono anche dei potenti simboli che nascondono dei valori e dei concetti. Non è stato certo Pitagora l’unico a dare un valore elevato ai numeri. Ecco alcuni esempi:

  • Jung: lo psicologo riteneva gli archetipi come dei simboli con valenze energetiche particolari.
  • Fibonacci: ricordate la sezione aurea di Fibonacci? Questo matematico italiano ha scoperto che il numero 1,61803 è un rapporto di grandezza che si ritrova praticamente ovunque.
  • Leonardo Da Vinci: fece uso del modello di Fibonacci proprio per realizzare il suo Uomo Vitruviano, dividendolo secondo il modello aureo.
  • Sant’Agostino d’Ippona: vissuto dal 345 al 430 d.C, ha riconosciuto una grande importanza al linguaggio dei numeri, vedendolo come un dono della divinità al mondo.
  • Pietro Bongo: ha realizzato uno degli studi più importanti sulla numerologia realizzando la sua enciclopedia sulla simbologia dei numeri che vanno da uno a un miliardo.

La numerologia, così come tante altre pratiche, ha visto periodi blu. Nel 325 d.C per esempio, in seguito al Primo Consiglio di Nicea, venne reputata una credenza non approvata, così come l’astrologia e tante altre credenze ritenute magiche. Le pratiche non comprese nelle credenze dello stato della Chiesa furono considerate violazioni civili. Chiaramente furono molte le persone che continuarono a credere e custodirono al sicuro queste conoscenze.

In ogni caso i numeri sono stati molto importanti per tante diverse culture, come quella ebraica per esempio. La numerologia nella Cabala è una parte necessaria. La Cabala associa a tutti i numeri un nome e un significato metafisico.

Significato dei numeri

Numero 1: è il numero che rappresenta l’origine di ogni cosa. E’ l’unità, l’unione, le nuove dee e la creazione. La sua forza sta nell’essere un numero che non può essere diviso. Viene venerato da tempi remoti. La sua importanza è nota un po’ in tutte le culture e credenze perché tutte quante avevano alla base il concetto di un’origine dove tutto era unito. Dal numero uno poi nasce il due, proprio come dall’unità nasce la dualità, la parte maschile e quella femminile. Corrisponde al Sole.

Numero 2: nasce dalla divisione dell’uno. La dualità che nasce dall’unità. E’ considerato anche il simbolo della separazione e della visione dualistica dell’universo. Rappresenta tutti gli opposti, il contrasto ma anche la saggezza alla ricerca dell’armonia di unione perduta. Rappresenta la differenza, la divisione tra vero e falso, bianco e nero. Il due è rappresentato dalla figura geometrica della croce, le due linee verticali e orizzontali che si incontrano.

Numero 3: simboleggia la combinazione dei tre elementi. Di tutti i numeri è uno dei più potenti a livello esoterico e si crede che possieda una grande forza energetica e unificatrice. E’ un numero armonico e perfetto, concetto che viene confermato dal triangolo equilatero che al suo interno, in ognuno dei tre angoli, c’è la triade intera. E’ il numero della trinità.

Numero 4: il quattro è considerato un numero perfetto. In matematica è la prima potenza. E’ l’infinito, il movimento, l’eterno, l’uomo che è si materia ma è anche spirito grazie al principio divino contenuto in se. E’ il simbolo dei quattro elementi. Fuoco, aria, acqua e terra. E’ il numero della concretezza, della manifestazione e dell’ordine.

Numero 5: Il numero cinque è simbolo di intelligenza, individualità e ispirazione. E’ il progresso. Il cinque in poche parole è il numero dell’uomo. E’ il simbolo per esempio dei cinque sensi. Essendo un numero dispari simboleggia l’attività, il progresso in quanto numero attivo. Come ben sappiamo però l’attività può anche portare verso il negativo e di conseguenza la discesa e l’involuzione. E’ simboleggiato dal pentagramma.

Numero 6: è il numero del pentacolo, la stella a cinque punte inserita nel cerchio dell’infinito. Qui il numero cinque trova il suo equilibrio e la sua perfezione. Il sei è anche l’unione di due triangoli, la stella a sei punti che corrisponde al macrocosmo, cioè l’uomo visto come un universo. Il sei è il numero dell’iniziazione ed è sacro a venere in quanto numero della bellezza e della perfezione. Rappresenta lei dimensioni del corpo.

Numero 7: Il numero sette è considerato da sempre il numero magico e religioso per eccellenza. E’ un numero increato che non viene originato da nessun altro numero tra 1 e 10. Dai pitagorici era simbolo di santità. E’ la perfezione della natura umana, l’unione della triade, la pienezza, la natura sia umana che divina. E’ anche il numero della piramide.

Numero 8: Da sempre è il numero che rappresenta l’infinito e il karma. E’ anche simbolo di fecondità, di equilibrio (i due cerchi sono una bilancia), dell’intelletto e della trascendenza. E’ considerato il numero che difende l’equilibrio del cosmo.

Numero 9: Vediamo per finire il numero nove, il quale rappresenta il superamento del numero della creazione. E’ simbolo di permanenza, resta sempre fisso e immutabile. E’ per questo motivo la manifestazione dell’uno. Il simbolo che lo rappresenta è il cerchio.

Voto all'articolo: 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Nessun voto ancora)
Loading...

Lascia un commento