Proprietà delle pietre

Actinolite e nefrite in cristalloterapia: usi e proprietà

L’actinolite ha un’azione piuttosto lenta e per questo motivo è importante utilizzarla a lungo per ottenere benefici. La sua varietà più utilizzata è la nefrite, perché è spesso lavorata per assomigliare alla più costosa giada e venduta poi come tale.

actinolite, proprietà e benefici

fonte foto: wikipedia

 

 

Questa pietra in cristalloterapia rafforza la determinazione a raggiungere i propri obbiettivi, a non lasciar cadere nel nulla i sogni che ci animano.

Nasce grazie al processo litogenetico primario o terziario. Ha un sistema cristallino monoclino. Appartiene alla classe minerale degli inosilicati. E’ composto da ferro, magnesio e calcio.

A chi è rivolta l’actinolite?

Il primo sintomo del fatto che stiamo uccidendo i nostri sogni è la mancanza di tempo. Il secondo sintomo della morte dei nostri sogni sono le nostre certezze. Il terzo sintomo della morte dei nostri sogni è la pace.
Paulo Coelho, Il Cammino di Santiago, 1987

A coloro che hanno il coraggio di vivere la propria vita, seguendo i propri sogni. Le persone che si sentono attratte dall’actinolite vivono la vita non scandita dal “tic-tac” dell’orologio, ma dal moto delle emozioni. Non sono amanti degli schemi rigidi e programmare oltre la settimana che verrà, appare come qualcosa di perfettamente inutile.

Dovrebbero indossare l’actinolite quelle persone troppo rigide e analitiche, che vorrebbero programmare la loro vita nel minimo dettaglio. Ammorbidiscono questo aspetto che non permette di viver loro pienamente la giornata.

Proprietà dell’actinolite

info

L’actinolite in passato non era conosciuta per le sue proprietà terapeutiche. Specifichiamo che può essere utilizzata in cristalloterapia solo dopo essere lavorata e non nella sua forma fibrosa. L’actinolite infatti, come recita Wikipedia, “è una delle sei specie di minerali classificate come asbesto (amianto)“.

L’actinolite è un talismano da usare quando desideriamo cambiare una parte della nostra vita, modellandola in base alle nostre aspirazioni. La pietra actinolite va utilizzata, ad esempio indossandola come anello o medaglione, quando vogliamo appianare le differenze, stimolare il perdono e la pazienza.

Spirito

A livello spirituale l’actinolite vi sosterrà durante la vostra ricerca, durante i profondi cambiamenti che volete apportare alla vostra vita. Utilizzatela quando dovete raggiungere obbiettivi perché renderà più forte la vostra determinazione.

Vi aiuterà a superare il senso di colpa, a lasciare alle spalle il passato. Frena l’inquietudine e favorisce l’armonia interiore. Si ritiene che questa pietra sia sacra alla dea Gaia e alla dea romana della fertilità.

Potete indossarlo all’altezza del quinto chakra per una comunicazione più fluida. In linea generale comunque, riesce a equilibrare tutti quanti i centri energetici del corpo. Riuscirete a comunicare meglio le vostre idee e emozioni.

Si dice che faciliti il contatto con guide e angeli. Viene infatti usata per ricordare e capire meglio i messaggi che arrivano attraverso i sogni.

Mente

Indossandola diventerete consapevoli di quelle che sono le vostre reali capacità e saprete riconoscere il momento giusto per entrare in azione. Guardando alle vostre spalle, saprete vedere le lacune per colmarle. Potrete quindi iniziare a correggere quei comportamenti che non vi hanno portato fino a oggi a niente di buono. Può esservi di grande aiuto anche se dovete superare alcune dipendenze.

Corpo

L’unica cosa che so, è che a livello fisico stimola i processi di crescita e aiuta l’organismo a disintossicarsi. Va quindi di pari passo al processo di allontanamento delle dipendenze, le quali spesso non coinvolgono solo la mente ma anche il corpo.

Nel feng shui deve essere posizionata a nord. E’ associata alla carriera, quindi andrebbe posizionata nel posto di lavoro. Assicura equilibrio, pazienza e il giusto focus mentale, concentrato proprio sul raggiungimento dell’obbiettivo.

Nefrite, la varietà di actinolite più famosa…

fonte foto: wikipedia

fonte foto: wikipedia

La varietà più famosa di actinolite è sicuramente la nefrite, lavorata in modo tale da essere venduta come giada verde. Ha un processo litogenetico terziario e un sistema cristallino monoclino. Il suo nome proviene dal greco “nephron”, che significa rene. In Sud America era infatti nota per la sua azione benefica nei confronti dei reni. A differenxa quindi dell’actinolite, la nefrite ha un vissuto particolare nel ramo della cristalloterapia.

Veniva usata per realizzare amuleti, i quali poi dovevano proteggere chi gli indossava dalle influenze negative. Non solo, essa aveva anche lo scopo di rafforzare la propria identità e d’impedire che le opinioni esterne la scalfissero. Aiuta a calmare le emozioni violente e rende la mente creativa.

A livello fisico è chiaramente impiegata in cristalloterapia per alleviare le infiammazioni renali. Si dice che possa aiutare a prevenire i calcoli renali.  La nefrite va tenuta a contatto con il corpo, perché deve modificare l’equilibrio interno.

Sapevi che in realtà…

In passato con il termine giada si indicava sia la giadeite che la nefrite, due minerali appunto simili esteticamente. Oggi come oggi comunque sia, vengono definte giada specialmente quelle pietre ricche di giadeite, un minerale molto raro.

La nefrite però viene alcune volte venduta come giada perché simile, anche se il suo valore commerciale è decisamente inferiore.


9 Commenti

  • Ciao Claudia, mai sentito parlare di questa pietra e credo di non averla mai vista mi incuriosisce. Dalle foto mi sembra di colore verde è così o può essere di altri colori? Viene montata su gioielli?

    • Ciao Simonetta, esatto è verde! Nella foto è un po’ scura. Io ho solo una nefrite (una varietà di actinolite) , la quale è molto simile alla giada e infatti in alcuni casi è venduta come tale 🙂

      Si, burattata può essere montata su gioielli!

  • Ciao Claudia ti è capitato di comprare le pietre in internet in tal caso come capire se è vera o spacciata x tale ma magari di materiale simile tanto da essere una imitazione?come riuscire a distinguere?ciao grazie dei tuoi consigli un abbraccio
    ely

    • Ciao Ely,
      si mi è capitato. Il fatto è che non possiamo saperlo finché non si è fatto almeno un acquisto. Personalmente compro, faccio un piccolissimo ordine, “testo il prodotto” e dopo, se sono soddisfatta, continuo ad acquistare dallo stesso shop.

      Purtroppo quello di riuscire a distinguere le pietre è un problema di tutti. Non so se hai già letto questo articolo: http://www.alchimiadellepietre.it/capire-pietra-vera/ un po’ ne parlo.

      Quando acquisti su internet, cerca di testare, poi quando ti trovi bene, non mollare più quel sito! Alcune volte è meglio acquistare da piccoli siti ma davvero specializzati, piuttosto che dai big, che vendono un po’ di tutto e spesso non s’interessano se le pietre sono tali o solo imitazioni. Ultimamente ho trovato qualche sito interessante ma, prima di parlarne qui sul blog, preferisco fare un test io 🙂

  • Ciao Claudia, mi chiedevo se le pietre sottoposte quotidianamente a forti rumori e vibrazioni causate dall’ambiente lavorativo circostante, risentano di tutto ciò ,magari incrinandosi in fratture e spaccature che accelerano il processo di rottura e se magari esista un modo per proteggerle ulteriormente quando si portano in tasca senza che venga impedita la trasmissione di energia al portatore,grazie del tuo aiuto e della tua immensa passione per i cristalli un abbraccio ely.

    • Ciao Ely, scusa per il ritardo della risposta! Le vibrazioni dell’ambiente interferiscono con la pietra. Tutto in realtà, interferisce. Ti consiglio solo di purificarla spesso, in modo tale da liberarla da tutto ciò che ha accumulato, non temere, sono più forte di quanto si pensa 🙂

      Un abbraccio a te!

  • Ciao Claudia grazie x la tua risposta in realtà neanche io ho avuto modo di leggere il blog sai avvolte capitano problemi di connessione dunque non preoccuparti di nulla,grazie ancora x i tuoi preziosi consigli un abbraccio ely

Lascia un commento